Sport

E’ una sconfitta per il nostro sport

Si, Sig. Sella, è davvero una sconfitta per il nostro sport. Ma non per il tuo, che vivi in un mondo di falsità, perché lo sport è anche saper perdere e chi sa perdere non bara! Quindi lasciaci il nostro sport e sparisci dalla nostra vista. E’ troppo facile sparare a zero su chi il giorno prima pedalava in gruppo con te. E’ facile, come è stato facile per tutti quelli che hanno attaccato altri corridori in passato (ti ricorda niente?).
Sig. Sella, chi come lei bara è ormai la rovina di quello che considero lo sport più bello al mondo. Avete preso questo sport, forse attirati dalla fama e dal denaro, e l’avete fatto diventare uno show. E si sà, lo show ha bisogno dei suoi interpreti. Ed un tenore non deve steccare mai. Così come un attore non deve mai dimenticare la sua parte. Vi siete ridotti a questo: meri attori di uno show. Ma non siete altro che marionette, pilotate da un gioco tanto crudele quanto tragico, che vi porterà sulla strada dell’obblio, dei bari, dell’esempio da non seguire. Esattamente: volevate la gloria e la fama, ed invece tutti quanti (lei, Riccò, qualcun’altro prima e chissà quanti altri dopo) avrete la macchia indelebile di chi non rispetta le regole del gioco.

Che tristezza vedere questi campioni rovinare tutto. Riccò per un “errore di gioventù“, la Bastianelli per una “studida ingenuità“, Baldini per un lassativo (ma davvero ci vuoi far credere questa minchiata?) e lei che “non ne sa niente“. No, questa volta non difenderò nessuno: avete barato e vi meritate tutti quanti la vostra punizione. Sperando che sia esemplare, anche se purtroppo credo che sarà tristemente inutile.

Saluti,

Davide Anastasia

1 thought on “E’ una sconfitta per il nostro sport”

  1. Ecco la probabile confessione. E così, invece di due anni di squalifica, ne prenderà uno solo.
    Eh no! Questo allora non è più coraggio. Non è piu’ l’ammissione delle proprie colpe. E’ semplicemente una strategia difensiva, il trucco per superare il baro.
    Che sport triste che e’ diventato il ciclismo. Probabilmente non tornerò mai più in bicicletta. Mi fate venire il disgusto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *